Top
Image Alt
  >  Roma   >  Bocca della verità

Quella della Bocca della Verità è una delle leggende più conosciute al mondo, i cittadini di Roma crescono all’insegna del suo mito e difficilmente si trova un turista che non ne abbia sentito nominare o che non abbia verificato di persona ciò che si tramanda da generazione in generazione sfidando la temibile maschera ed infilando la mano nella sua bocca.

“Ad sanctam Mariam in Fontana, templum Fauni; quod simulacrum locutum est Iuliano et decepit eum”

“Presso la chiesa di santa Maria in Fontana si trova il tempio di Fauno; tale simulacro parlò a Giuliano e lo ingannò”

Le leggende:

aLa versione più antica della sua leggendaria fama è rintracciabile nel XI secolo grazie ad una menzione in una delle prime edizioni del Mirabilia Urbis Romae, ovvero dei manoscritti che venivano creati per guidare i pellegrini che si recavano a Roma.
La citazione che potete leggere qui sopra è proprio il frammento tratto dalla guida, però questa non chiarisce esattamente la dinamica dei fatti ma si riferisce genericamente ad una vicenda che vide protagonista Flavio Claudio Giuliano ma è comunque ad essa si può far risalire la nascita della leggenda del mascherone.

Solo però grazie ad un testo del XII secolo i pezzi di questa storia si sono uniti e siamo così venuti a conoscenza in modo preciso della vicenda con protagonista Flavio Claudio Giuliano ovvero l’ultimo sovrano pagano di Roma che provò inutilmente a riportare in auge il paganesimo dopo che questo aveva perso la sua importanza a scapito del cristianesimo.
Nel testo tedesco si racconta che Giuliano dopo aver truffato una donna giurò la propria innocenza sugli dei inserendo la mano nelle bocca a prova della sua buonafede, il diavolo incarnatosi in Mercurio, considerato il protettore degli imbrogli, trattenne la mano di Giuliano comunicandogli che se avesse riportato le divinità pagane ad essere adorate come in passato avrebbe riparato la sua umiliazione e avrebbe ottenuto grandissime fortune.

a Una seconda versione esoterica venutasi a formare nel medioevo tramandata fino ad oggi vuole che fu un erudito del VI secolo, Virgilio Grammatico, a costruire la magica Bocca della Verità per scovare i tradimenti dei mariti e delle mogli infedeli che avessero dubitato della fedeltà reciproca.

La scultura: Il nome e curiosità

a Ma cosa è in realtà la Bocca della Verità? 
Prima di diventare leggendaria la scultura non era altro che un tombino, sembrerà molto strano ma nell’antica Roma si era soliti raffigurare l’effigie di una divinità per la creazione di queste opere di arredo urbano.
Prima di essere murata nella posizione in cui è ora, la scultura si trovava all’esterno del portico della chiesa di Santa Maria ed era così esposta alle intemperie, fu solo in seguito al restauro voluto da papa Urbano VIII Barberini nel 1631 che ha trovato la sua definitiva collocazione.
Per quanto riguarda il suo nome sappiamo per certo che questo comparve la prima volta nel 1485 ma non sappiamo invece chi la chiamò “Bocca della verità”.

La Bocca della Verità in “Vacanze Romane”
Nel famoso film girato da William Wyler nel 1953 i due protagonisti interpretati da Gregory Peck e Audrey Hepburn si recano alla Bocca della Verità dove Joe Bradley (G.Peck) si prende gioco della principessa Anna (Audrey Hepburn) e finge di perdere la mano per colpa dopo averla inserita nella bocca. Potete vedere la scena tratta dal film cliccando qui per essere reindirizzati su youtube.

Dove si trova?

Raggiungere la Bocca della Verità è piuttosto semplice:

Santa Maria in Cosmedin: Piazza della Bocca della Verità 18, 00186 Roma
Orario di apertura: 9:30 – 17:30
Costo biglietto: 2€

Come arrivare: Metro Linea B fermata Circo Massimo.
È un pochino distante dalla fermata della chiesa (700 metri) ma è un ottima occasione per fare una bella passeggiata al Circo Massimo e godere della vista sul parco archeologico.

Per questa straordinaria leggenda è tutto! speriamo che l’articolo vi sia piaciuto e vi invitiamo a seguirci per scoprire le altre leggende Romane.

Se stai pianificando un viaggio a Roma o vuoi semplicemente saperne di più, dai un occhiata agli articoli correlati qui sotto! 

Rispondi