Top
  >  Europa   >  Austria   >  Gruner See

Il lago che scompare

Il lago di Grünen See in Austria è reso celebre dalla sua particolarità, ogni anno infatti in modo ciclico quando si sciolgono i ghiacciai delle sontuose montagne che sovrastano la zona, le acque scorrono a valle e si accumulano fino a formare un lago.
Una volta riempitosi il resto è pura magia che va ammirata con i propri occhi perché le molte foto che sono disponibili su internet (comprese le nostre) sono stupende, ma probabilmente non tutte rendono giustizia a questo luogo.

a Come raggiungere il lago

Situato nel bel mezzo dell’Austria il lago è situato a circa 80km da Graz e 175 da Vienna. Una volta giunti sul posto per arrivare sulle sue sponde e godere della sua infinita bellezza le scelte sono essenzialmente due :

a Arrivando con l’automobile ci si può fermare al primo parcheggio (più lontano e a pagamento) che si incontra lungo la strada. Da questo punto una volta parcheggiata la macchina si può scegliere tra due diversi sentieri che portano al lago entrambi in 20 minuti.
L’unica differenza è che il sentiero viola, quello più bello e naturalistico, vi porterà ad attraversare il bellissimo bosco.
La traccia arancione invece vi farà fare lo stesso percorso che viene fatto dalle automobili per raggiungere il punto più vicino al lago, nulla di eccezionale se non per un laghetto che si incontra durante il cammino.

Cliccaci sopra per ingrandire

a La seconda opzione invece vi consente di parcheggiare l’auto praticamente a ridosso del lago nel parcheggio di un ristorante che è distante forse neanche 100 metri dalla sponda del lago.

Il sentiero viola
Tornando alla sua speciale particolarità, il lago non beneficiando di alcuna fonte di acqua è destinato ogni anno a prosciugarsi fino a scomparire completamente durante la stagione estiva quando il caldo prosciuga ogni traccia d’acqua.
a Il periodo in cui il livello dell’acqua raggiunge il suo picco di circa 12 metri può variare leggermente in base alle temperature ma ad ogni modo, il mese migliore è giugno.
Attenzione quindi se capitate in zona a fine luglio – inizio agosto perché le probabilità che vi ritroviate ad osservare solo quello che poche settimane prima era una meravigliosa creazione di madre natura sono molto alte.
Se siete fortunati di capitare quando il lago è nel suo periodo di massima lo spettacolo è estasiante, noi non abbiamo avuto questa fortuna ma la sua bellezza ci ha comunque colpito. Qui sotto le foto che abbiamo scattato noi che a differenza di molte altre che si possono trovare sul web, non sono ritoccate.
Ad essere del tutto onesti noi non avevamo pianificato questa visita e abbiamo dovuto fare una deviazione dal nostro itinerario per poter raggiungere Grünen See ma non possiamo che esserne felici, si tratta di un luogo magico davvero imperdibile per gli amanti della natura.
Purtroppo bisogna anche considerare che in futuro questo spettacolo potrebbe non esserci più a causa del riscaldamento globale, meglio quindi non perdere l’occasione e correre ad ammirarlo il prima possibile.

Sperando di avervi fatto venire voglia di andarci fateci sapere cosa ne pensate nei commenti qua sotto! 

0

Rispondi