Top
Image Alt
  >  #S. On the road   >  Tivoli
tivoli1

Villa D’Este

24 marzo 2019

Continua l’appuntamento con la nostra rubrica #Sunday On The Road alla scoperta delle bellezze che il nostro territorio ha da offrire.
Per la domenica di marzo itinerante abbiamo scelto di guidare fino a Tivoli, a 40 km dalla nostra città: Roma.

a Tivoli è una cittadina in provincia di Roma che nonostante le sue ridotte dimensioni ha molto da offrire ai suoi visitatori. Noi abbiamo preferito però concentrarci solo su Villa d’Este, una delle ville più famose d’Italia considerata una delle massime espressioni della cultura rinascimentale. Vi diamo qualche numero di questa opera che nel 2001 è divenuta patrimonio Unesco: I giardini sono adornati da 255 cascate, 50 fontane e 100 vasche che prendono l’acqua direttamente dal fiume Aniene.

2019_03_24_14_15_32_993

Vi raccontiamo brevemente la sua storia: L’inizio dei lavori per la costruzione della villa risalgono al 1550 quando furono avviati su incarico del cardinale Ippolito d’Este fresco della nomina di governatore a vita di Tivoli da parte di Papa Giulio III. L’attuale struttura sorge su quello che all’arrivo di Ippolito d’Este non era altro che un umile convento ritenuto non all’altezza del suo status e abitudini. I lavori furono affidati a Pirro Ligorio, un architetto napoletano che con l’aiuto di un gran numero di artigiani e manovali diede vita a quella che oggi è la meraviglia ammirata giornalmente da centinaia di persone. I lavori furono completati solamente nel 1572 a causa di vicende che potrebbero essere definite “politiche”; va inoltre segnalato che anche Gian Lorenzo Bernini collaborò alla realizzazione della fontana del bicchierone e della cascata della fontana dell’Organo attraverso la realizzazione del tempietto che protegge l’organo.

La nostra giornata, complice la vicinanza della nostra meta a Roma, è cominciata verso le 9:30. Per raggiungerla abbiamo preferito percorrere l’autostrada A24 invece della Tiburtina ed evitare in questo modo i possibili rallentamenti in prossimità dei centri abitati.
Dopo circa 45 minuti stavamo già parcheggiando l’auto, non conoscendo Tivoli abbiamo optato per il primo parcheggio che ci siamo trovati davanti, ovvero quello in prossimità dell’ospedale, che di domenica è piuttosto libero. Ci sentiamo comunque di non consigliarlo perché la capienza è ridotta e se la gente parcheggia male c’è il rischio di dover fare diverse manovre o peggio, rimanere bloccati. La cosa positiva però di questo parcheggio è che devi percorrere la strada che attraversa il centro per giungere a Villa d’Este.
a Se arrivate a Tivoli dalla Tiburtina invece, vi troverete sulla sinistra il parcheggio più vicino al centro e più grande ovvero quello della panoramica vicino Piazza Giuseppe Garibaldi.

Trovare l’ingresso è veramente facile, così dopo una brevissima fila abbiamo acquistato i biglietti a 2€ (grazie alla riduzione fino a 25 anni) e 10€ (intero). Se pensate che la somma richiesta per quello intero sia elevata, uscirete da li con la convinzione che ogni singolo centesimo richiesto sia pienamente giustificato alla luce dei costi di mantenimento della struttura. Il giardino di cui parleremo più avanti è vastissimo e curatissimo, conservarlo nel migliore dei modi richiede un grande sforzo economico.

Piano terra: Dopo aver superato la biglietteria la vostra visita comincerà ammirando lo splendido cortile porticato che potete vedere nella foto qui affianco.
Su questo piano sono otto i diversi ambienti che si attraversano prima di giungere alle scale a chiocciola per accedere al piano inferiore. Sinceramente questi non ci hanno entusiasmato più di tanto, di straordinaria c’è la vista da un terrazzo sui giardini e sulle campagne circostanti, un ottimo luogo dove poter scattare delle belle fotografie. La foto panoramica che vede qui sopra l’abbiamo catturata proprio da li dopo aver con calma atteso il momento propizio. Ad ogni modo su questo piano, prima delle scale c’è la piccola ma pregevole cappella privata del vescovo Ippolito che ci è piaciuta molto e che merita qualche minuto per essere ammirata.

2019_03_24_12_25_20_263

Piano inferiore: L’esplorazione di questo piano è tutta una sorpresa, qui gli ambienti da vedere sono circa dodici, ognuno di essi è un vero piacere per gli occhi. Una delle cose che ci ha sorpreso di più è la bellezza dei soffitti adornati da dipinti bellissimi e mantenuti perfettamente anche grazie ai restauri che sono stati effettuati nel corso degli anni 20-30 del secolo scorso.
Un’altra nota di merito va all’illuminazione delle stanze, forse sarà stato grazie alla giornata di sole o forse no, ma a noi ha colpito anche il modo in cui i colori delle illustrazioni venissero messi in risalto dalla luce.
Su questo piano sei quasi costretto a stare con la testa all’insù durante tutta la visita, occhio solo a dove mettete i piedi! Una signora è inciampata su un gradino senza farsi male fortunatamente.
Il nostro consiglio circa questa parte è di prendersi tutto il tempo necessario per ammirare queste stanze prima di procedere alla visita dei giardini sottostanti.

Il giardino: Ammirarlo dall’alto è una cosa, immergersi dentro di esso passo dopo passo è un’altra splendida esperienza da vivere.
Il rumore dell’acqua proveniente dalle numerosissime cascate vi attirerà come il canto di una sirena e passeggiare perdendosi nei suoi curatissimi e verdi sentieri vi farà dimenticare di tutte le preoccupazioni.
Troverete profondamente rilassante fermarsi all’ombra dei suoi alberi o riposarsi vicino ai suoi giochi d’acqua o alle sue piscine, prendetevi quindi tutto il tempo necessario e perdetevi nei suoi viali fioriti ammirando quello che è un vero capolavoro conosciuto in tutto il mondo.
Noi ammettiamo senza vergogna che è stata proprio la fama del suo giardino il motivo principale della scelta di Villa d’Este come meta per il nostro secondo appuntamento con la rubrica Sunday On The Road. Ed è con altrettanta sincerità che confessiamo che ci ha colpito moltissimo e questo luogo merita la fama che lo precede. Tivoli ha questo gioiello straordinario che merita di essere visto almeno una volta nella vita!

Sperando che questo articoli vi sia piaciuto vi chiediamo: Voi avete mai ammirato questa splendida villa? Fatecelo sapere nei commenti, intanto qui vi lasciamo le informazioni utili! 

a Informazioni utili:

  • Orari: 8:30 – 19:45, la biglietteria chiude alle 18:45.
  • Ticket ingresso: 10€ intero, 2€ ridotto fino a 25 anni,
  • Prenotazioni e info per visite guidate e prevendita biglietti: Chiamare il callcenter 199 766 166, dall’estero +39 0412719036
  • Visite guidata:  In italiano 90€  e  in Francese, Inglese, Tedesco, Spagnolo 110€. Entrambe max 25 persone, (previsti supplementi per ogni persona in più).
  • Costo parcheggio: 0,80 euro all’ora.
  • Per ogni altra informazione si consiglia di visitare il sito ufficiale di Villa d’Este raggiungibile cliccando qui 

Related posts:

Rispondi